Ma non erano comunisti? Khodorkovsky e le elezioni russe

Libertà per Khodorkovsky? Ormai mancano solo Putin, Zhirinovsky e Mironov: dopo Mikhail Prohorov e Grigori Yavlinski, oggi anche il comunista Gennadi Zjuganov – candidato alla presidenza russa nel voto del 4 marzo come tutti i nomi appena citati –  ha dichiarato che, se eletto, libererà l’ex magnate Yukos ed ex uomo più ricco di Russia, oltre che galeotto più famoso al mondo. Lanciando dalla sede dell’agenzia Ria Novosti a Mosca il proprio programma elettorale dal titolo “Start Russo” (sic), il suo Partito ha promesso anche nuove legislative anticipate a dicembre 2012 in caso di vittoria del candidato-segretario, di licenziare il capo della commissione elettorale e indagare sulle frodi. In precedenza, Zjiuganov aveva sempre sposato la formula putiniana ” i ladri devono stare in galera” riferito agli oligarchi degli anni 90 che avrebbero distrutto la Russia spartendosene le ricchezze a spese del popolo. Ma ormai anche schierarsi per l’ex persona meno grata a Putin, è di moda evidentemente.

Oppure, magari la risposta, per chi sa il russo, è qui. Appena ho tempo ve lo traduco.

Intanto, anche Mr Putin, vincitore designato nonostante tutto (gli ultimi sondaggi gli assegnano un 38%, con possibile ballottaggio, e secondo è proprio Zjiuganov), per la prima volta nella sua vita ha presentato il proprio programma elettorale per iscritto. Si vede che ce n’è bisogno.

Leave a comment

Filed under Russia/ ex Soviet Space

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s