Category Archives: Il Mediterraneo delle Rivoluzioni

Putin va a Taksim

Putin va a Taksim

If the Shah will end up falling, it will be due mostly to tape cassettes” 

                                                                                         (Michel Foucault,  Iran,  1978)

The day Erdogan sents police to clean out Taksim square in Istanbul, russian Opposition identifies itself more and more with turkish street protests of these days. Guess why…

Istanbul 2013 come Mosca 2012? Vi sembrerà strano, ma l’opposizione russa si identifica molto con quanto accade in questi giorni a Gezi Park, e, solitamente allergica alla politica internazionale, sta seguendo gli eventi turchi con grande attenzione. Tanto che molti dissidenti, insieme a fotografi e giornalisti russi si sono catapultati sul Bosforo fin dall’inizio della rivolta contro Erdogan, coprendola estensivamente e in alcuni casi persino prendendovi parte in prima persona, dormendo tra le barricate, etc etc. Come dimostra la foto qui sopra: “Russia senza Putin, Putin Istifa” ha scritto qualcuno sul selciato di Taksim in cirillico.

Cosa accomuna Taksim e Balotnaya, la piazza simbolo del movimento di piazza anti-Putin esploso nel 2012 con proteste di massa e oggi piuttosto floscio? Innanzitutto la composizione dei manifestanti: eterogenea quanto mai ma forte di  classe media urbana, intellighenzia, molti giovani e studenti, e poi nazionalisti e comunisti. Altra analogia: un movimento nato su Internet in modo spontaneo (non organizzato, e prevalentemente apartitico, anche se poi cavalcato dai kemalisti nel caso turco)  e diffuso viralmente via social network e via quel Twitter che Erdogan, emulo inconsapevole di Vladimir Vladimirovich, si è spinto a definire, in pratica “agente straniero”. Certo, lì tutto nasce da un problema locale, una contesa di quartiere, per poi allargarsi, in Russia invece da un voto alla Duma ritenuto truccato. Ma quello spirito di “neighbourhood solidarity”, a mio avviso, che sta crescendo nel mondo da Londra a Zuccotti, e forse diventerà il motore delle rivoluzioni future, era presente anche tra i manifestanti di Mosca in un certo senso, anche se come istanza implicita: per gli istanbulioti come per i moscoviti, un modo per riprendersi la propria capitale, una lotta per lo spazio pubblico, nel caso russo “usurpato” dal controllo poliziesco del Cremlino e da 15 anni di demolizioni architettoniche sotto l’ex sindaco Luzhkov.  Lo dimostra il caso di Occupy Abay a Mosca. E ancora: la situazione economica della Turchia, paese non povero come quelli delle rivolte arabe, è simile a quella russa. La protesta, non a caso, là come qua ha carattere nettamente politico. Il paragone comunque, per quanto peregrino, che ci crediate o no gira parecchio sui media russi, almeno quelli d’opposizione. Nel timore che vada a finire nello stesso modo, cioè in un nulla di fatto.

Infine, molti notano somiglianze nell’atteggiamento mostrato verso i “dissidenti” da Erdogan e Putin, benché il primo sia arrivato al potere con elezioni eque: entrambi  hanno dato la colpa delle proteste a una torbida cospirazione straniera, denunciando i media internazionali.

Infine sempre a proposito di Taksim di cui non sono certo un’esperta ma su cui ammetto di avere riserve riguardo alla rappresentazione che ne stanno offrendo i media mondiali, vi consiglio questa bell’analisi sull’uso dei media “alternativi” nelle rivoluzioni: che è cominciato molto, molto prima di Teheran 2009…

Leave a comment

Filed under Il Mediterraneo delle Rivoluzioni, Mass, Culture & Society, Middle East, Mosca, Opposizione russa, Putin, Russia, Russia/ ex Soviet Space, Turchia

Moscow-Damascus, last stop?

Is Moscow secretly plotting with Washington to oust Bashar Assad? This has been the tale of world diplomacy for the past month at least, with US and GB pointing at ongoing negotiations with Moscow to solve the crisis (last chapter would be Obama-Putin meeting at Los Cabos), and Russia (mainly foreign minister Lavrov) repeteadly denying any talks on possible compromise with US partners about the fate of syrian leader. Today, Vladimir Putin is visiting Israel: Syria and Iran will be in focus at meetings.

I have no magic clues. But judging from russian state media, something is undoubtedly changing in Cremlin’s attitude and tack towards Damascus issue. For the first time ever, in the past two months we are seeing syrian oppositioners invited at press conferences and tv shows dedicated to Syrian issue, once dominated by official representatives. On march 31 on State Russian TV Channel 1, the front post of Cremlin’s propaganda, Maxim Shevchenko’s show V Kontexte dedicated to the tragedy of Hula, saw sitting side by side in studio not only the syrian ambassador in Moscow and a Duma pro-Assad member, but also 3 critical voices: a head of syrian opposition-diaspora in Russia and former SSSR, a think thank well balanced analyst, and Konstantin von Eggert, Kommersant journalist and russian BBC, i.e. ‘pro western’. 2 weeks later, an umpteenth press conference about Syria at RIA NOVOSTI (state news agency) hq – usually organized to offer a platea to the so called ‘syrian echelon in Russia’ (pro Assad forces, also invited from Syria), for the first time ever invited opposition guests.

Intrigued, I asked to an inner russian state tv source (also pro-alawite) if this all is a “sign” of a shift. And I unexpectedly got a confirm: “Yes, our sly power is trading with the Americans. And, believe me,they’re ready to sell the Syrians if offered something in change”. So Moscow would be just waiting to be sure to get the best counterpart to make the deal.

But receiving something ‘worthy’ in exchange (such as US abandoning european missile defense project, i.e.) is not enough for Russia. Its main goal in all this months of talks has been  to avoid a new “libyan scenario”. As the same von Eggert variously commented recently, “Moscow’s adamant (until recently) stance on Syria has a lot to do with arms sales to Damascus and the Russian naval station in the port of Tartus. But it has even more to do with the Kremlin making a point internationally which is quite simple: ‘Neither the UN, nor any other body or group of countries have the right to decide who should and who should not govern a sovereign state’. If one looks at the Syrian crisis from this angle many of Moscow’s previously inexplicable actions take on a new, clearer meaning”. That’s why “the eventually inevitable departure of Mr. Assad should not look like a regime change”.

I turned to my sources in Syrian embassy in Moscow to make it clearer. They’re usually very talkative in enhancing Russian-Syrian friendship, and in the last year they organized dozens of events and meetings to to showcase it as russian friends’ support to syrian cause. But this time they were unusually still, lacking words. Just back from Tartus, my source mentioned an “ongoing civil war” and “a very sad situation”. Well, this could be part of new Damascus communicating strategy, considering that Syrian gov is now openly admitting that a civil war is going on in the country, thus to underline that both parts are well armed and opposition gets weapons and financing from  outside. Anyway, “no public events are scheduled at the Moscow Embassy in the near future”. Closed doors, no guests. Stay tuned.

PS: the picture above is mine – it was taken in Damascus, just out Old Town ancient walls, during my trip in Syria on march-april last year. They all seem to look somewhere far in a distance, standing still, like a premonition. I miss Syria a lot.

Leave a comment

Filed under Il Mediterraneo delle Rivoluzioni, Russia/ ex Soviet Space

The red line: Syria and russian elections

foto: Reuters (syrian oppositioners mocking Putin)

So while a new draft resolution condemning Damascus is right now under discussion at UN SC in NY, with Russia still saying “niet”, rumors in Moscow increase about a possible changing in Moscow’s position on Syrian crisis after russian Presidential Elections, on march 4. After that deadline (before summer), Putin – currently in full electoral campaign, i.e. needing to avoid compromises on foreign politics – would be ready to say yes to a thougher international stance against Syria, as well as against Iran (i.e to stronger sanctions or an explicit condemnation of crackdown on opposition for example, but staying firm against any foreign military intervention):  this is the “red line” for Moscow as foreign minister Lavrov spoke recently, and syrian permanent representative to UN Al-Jafari repeated yesterday: “Syria’s sovereignty, independence and territorial integrity are a red line”.

Why? In exchange for a closed eye and softer stance on next russian vote, democracy and HR in the country from western side, for example. Or some other bargain yet to negotiate.

And if by now the Kremlin is fiercely opposing any overthrow of Assad’s regime, in the coming months – after elections – Moscow would be preparing to welcome Bashar and his family (i.e. as political refugees: a “serbian option”), thus meaning the formation of a national coalition transitional government in Damascus including Muslim Brothers as recently proposed by some MO actors. When? Russia might be persuaded to act if the Assad regime looks certain to fall, experts say.

In the meanwhile, Moscow again proposed to host dialogue between Assad’s circle (already accepted) and (true) syrian opposition (so far dismissed): will it fail as usual or get some audience this time? Some analysts also talk about a possible participation of russians in an hypotetic after-crisis monitoring or peacekeeping mission.

Here’s a link to Arab League’s observers mission to Syria leaked report, which is serving as a base for the discussion on the proposed UN resolution (remember that so far Russia has been a strong supporter of AL efforts on Syria)

4 Comments

Filed under Il Mediterraneo delle Rivoluzioni, Middle East, Russia/ ex Soviet Space

Hezbollah “debutta” a Mosca/Hezbollah debuts in Moscow

First official visit of a delegation of Hezbollah in Moscow. Last wed, 3 days – what did they chatted about? Why now?

Morto Gheddafi, i russi com’è ovvio criticano la dinamica della cattura del Rais libico. Intanto, per la serie “amici della Russia”, mercoledi  a Mosca si è svolta una visita storica: dopo i siriani (di governo e di lotta), sono arrivati anche gli sciiti libanesi di Hezbollah. La prima visita ufficiale – 3 giorni – di membri del partito della Milizia di Dio in Russia. Ufficialmente, sono venuti come delegazione del parlamento di Beirut (di cui la Milizia di Dio fa regolarmente parte), invitati dai colleghi della Duma russa. Ma hanno incontrato anche il vice ministro degli Esteri russo Bogdanov. Li guidava Mohammad Raad (foto), c’erano anche Hassan Fadlallah e Nawwar al-Sahili. La notizia ha sollevato perplessità sui media locali e non. Ma a differenza di Israele, Stati Uniti, Canada, Regno Unito e molti altri paesi, Hezbollah in Russia non è ritenuto un’organizzazione terroristica. Come è noto, Mosca mantiene relazioni ufficiali anche con Hamas, che nella capitale russa ha una sede semi-ufficiale (negli anni scorsi il piccolo ufficio stava vicino alla sinagoga di Kitai Gorod, ora si sono trasferiti, pare).

Perché ora? Sicuramente, c’è di mezzo la Siria. Sia Hezbollah che Mosca sono contrari a un eventuale intervento straniero contro Damasco. E infatti Bogdanov ha chiosato:  “Mosca sostiene la sovranità dei popoli e non permette interferenze esterne negli affari interni dei paesi del Medio Oriente”.  Chiaro. Per Raad, “the visit aims to show the intention to deepen the prospects of cooperation and coordination between Russia and Lebanon”, e aggiunge: “We exchanged opinions on the situation in Lebanon, (and) the Arab world, discussed the attempts by the USA and the NATO bloc to destabilize the situation in the Middle East”. Chiarissimo. Inoltre  il viaggio della delegazione, fanno notare i giornali libanesi, “comes as reports have emerged that Hezbollah is preparing for a possible Israeli attack on Lebanon. Russia has been accused in the past, including during the 2006 war with Israel, of indirectly arming Hezbollah via weapons sales to Syria”. Sicuramente la Russia vende armi a Damasco: non ne fa un mistero. Del resto non è l’unica. E ha continuato a vendergliele, dichiarandolo, anche di recente dopo l’inizio delle rivolte e della repressione nel paese.

Chi sono quei giovani alla conferenza stampa? Non ne sono sicura – se lo scopro, ve lo dico.

Leave a comment

Filed under Il Mediterraneo delle Rivoluzioni, Middle East, Russia/ ex Soviet Space

Mosca-Damasco, ritorno e andata

Alla fine sono venuti a Mosca come annunciato, gli “oppositori” siriani. Ma nessuno ne ha parlato. Perché la prima delegazione invitata informalmente dal ministero degli Esteri russo – c’era da aspettarselo, data la posizione russa all’ONU su Damasco – rappresenta l’opposizione “buona” e “leale”, interna al paese. Quella che continua a credere in un possibile dialogo con gli Assad per spingerlo alle riforme. Li guidava il capo del partito comunista siriano, Qadri Jamil. Che comunque ha chiesto la liberazione delle centinaia di prigionieri in carcere, e la fine delle violenze. Per lui, il veto russo all’ONU sulla risoluzione di condanna a Damasco è bifronte: “Cattivo perché prolungherà probabilmente la vita al regime, buono perché evita la guerra civile e la spaccatura del paese”. Niente di fatto insomma, anche se Mosca ha promesso di accogliere, sempre in ottobre, una seconda delegazione, stavolta dell’opposizione “vera”: quella riunitasi la scorsa settimana a Istanbul che chiede le dimissioni di Assad senza mezzi termini. Staremo a vedere.

Intanto voglio proporvi un commento sui rapporti Russia-Siria eterodosso, ma interessante: lo firma sul suo blog personale Geidar Dzhemal, personaggio assai controverso in Russia, islamista della prim’ora nel post-Urss, ma anche commentatore autorevole sui media. Con ottimi agganci nel mondo arabo-musulmano amico di Mosca, e non. Secondo lui, Medvedev sarebbe pronto a mollare l’alleato storico Siria. Ma ce la farà ora che è delegittimato politicamente dopo l'”arrocco” con Putin? Certo è che dopo il veto alla risoluzione di condanna Onu su Damasco, la Russia ha improvvisamente cambiato posizione: “potremmo appoggiare una risoluzione sulla Siria”, ha detto a New York il 29 settembre il rappresentante russo al Palazzo di Vetro Churkin. E venerdì ci si è messo anche Medvedev: “Riforme o dimissioni” ha chiesto ad Assad. Secondo Dzhemal, il mutato atteggiamento “E’ collegato con il processo elettorale in Russia. Molti pensano che dopo la candidatura di Putin alla presidenza l’intrigo nel tandem sia finito. Invece sta solo cominciando a svilupparsi. Lo dimostra il trattamento scandaloso riservato a Kudrin, che è ovviamente un uomo di Putin. Così, colpire la Siria per bocca della delegazione ufficiale russa all’ONU – è anche un atto contro il potere di Putin, che sostiene con chiarezza l’attuale regime di Damasco”. Come quando Medvedev lo bacchettò su Gheddafi, per aver parlato di “crociate”. Dzhemal però va oltre: “Il fatto è che sia Putin che Medvedev sono legati a diversi clan di potere ai più alti livelli della politica internazionale. Dagli interessi diversi. Tutto ciò che è accaduto in Russia dopo il 1991 – ha seguito la linea dei Democratici Usa: Chubais, Gaidar… la privatizzazione in Russia fu svolta sotto l’egida del clan Clinton. Putin è stato il primo ad aver cambiato notevolmente campo. Nel 2001, usando l’11 settembre, “disertò” a favore dei repubblicani. Ciò significa che ha giurato fedeltà a Bush e al suo nuovo ordine mondiale. Nei successivi 8 anni, Putin è stato al potere con l’appoggio dei repubblicani. (…) Ma lungo la strada è caduto in una trappola. Ora il mondo segue una nuova tendenza, con l’avvento al potere di Barack Obama. Non è un caso se al suo fianco c’è Hillary Clinton. (…) Medvedev ha prestato giuramento per il nuovo ordine – legato direttamente a Obama. Pertanto, le divergenze su Libia e Siria sono legate alla distribuzione dei ruoli in Russia – e non potranno che aumentare”. Teorie complottistiche azzardate che non amo e non condivido troppo, ma che forse hanno un nocciolo di verità, in barba al conclamato “ritorno alla guerra fredda” tra Usa e Russia in era Putin.

Foto: l’ambasciata siriana a Mosca

Leave a comment

Filed under Il Mediterraneo delle Rivoluzioni, Middle East, Russia/ ex Soviet Space

Russia-Syria / reloaded

Today I went to Ria Novosti to hear from a russian Federation Council delegation just back from Syria their view on the situation there. Guess what. But then came the best: a speech by a syrian oppositioner in Msk, followed by a quasi-fight among arabic tv-s correspondents. Great Umma vs Kremlin’s back.

Appena atterrata a Mosca dopo il lungo tour mediterraneo, e subito ci sono incontri interessanti. Una delegazione del parlamento russo si è recata in Siria questa settimana per valutare la situazione – un privilegio unico, negato finora a tutti i paesi occidentali ed europei. Sono stati a Damasco, Aleppo, Homs, Deera. Hanno incontrato il presidente Bashar Assad. Sono tornati ieri, e oggi nella sede di Ria Novosti hanno raccontato cosa hanno visto. Nell’ottica, è ovvio, della vecchia, ferrea alleanza tra Mosca e Damasco: lo scontro per i russi è tra il potere di Assad e “bande armate illegali”, “banditi” appoggiati da forze esterne che vogliono destabilizzare il paese. Le stesse identiche parole – guarda un po’ – usate da Mosca per descrivere la lotta coi ribelli del Nord Caucaso. I racconti drammatici dei media occidentali sulla crisi siriana sono “esagerati” per i russi, “non tutto è bianco e nero”. Una posizione sempre più opposta a quella Usa sulla Siria; e ieri anche il turco Erdogan ha annunciato lo stop al dialogo con Damasco. A Mosca, sullo schermo in sala stampa scorrevano immagini di Medvedev alternate a primi piani di Assad e foto della manifestazioni pro regime a Damasco. Qualche concessione alle proteste e lamentele sociali dell’opposizione “buona e ragionevole”, quella autorizzata dal potere alavita, “obiettivamente autoritario”. Ma alla fine l’imbarazzo per quello che per Mosca potrebbe rivelarsi un cul de sac alla libica, con conseguenze pesanti sullo scenario internazionale, viene fuori. Zriad Vabsabi, commissione affari esteri al senato russo, siriano-russo-ceceno (è anche consigliere di Ramzan Kadyrov a Mosca… toh! e prima lo era stato di Dudaev e Mashadov) si fa scappare di aver provato a incontrare qualcuno dell’opposizione “vera” in Siria, ma di non esserci riuscito. Questi non lo avrebbero richiamato al telefono, avrebbero dato buca a un paio di incontri, dopo avergli dato appuntamento “in un posto imprecisato a destra dopo un negozietto, nello scantinato”. Indovinate perché. Proprio stamattina Damasco ha ammonito la Russia a rispettare gli accordi sulla vendita di armamenti ai siriani. Ma l’incontro ha riservato più d’un guizzo, sintomo degli attuali rapporti Russia-Siria. Un uomo si è alzato: “Sono un rappresentante dell’opposizione siriana in Russia, è chiaro che il vostro viaggio è stato organizzato dal governo e controllato a vista dai servizi segreti siriani, vi hanno fatto vedere solo ciò che volevano”, in sintesi. Con numeri e dettagli sulla repressione. Non è stato fucilato sul colpo. Ma non ha ricevuto una risposta puntuale. Sul finale scatta quasi una rissa tra i corrispondenti delle tv arabe a Mosca: da un lato i pro-siriani di Al Manar (la tv libanese di Hezbollah), dall’altro i colleghi Al Jazeera e Al Arabia, che esortavano i delegati a “dire semplicemente la verità, invece di confutare le tesi dei media occidentali con contro-propaganda”. Per poco non ci son scappate le botte. La grande Umma che parla russo è agitata.

Leave a comment

Filed under Il Mediterraneo delle Rivoluzioni, Middle East, Russia/ ex Soviet Space

Meglio tardi che mai? Russia-Libia 2, e fine Ramadan a Mosca

Alla fine si sono “allineati” anche loro, tra gli ultimi al mondo: da oggi la bandiera dei ribelli del Cnt libico sventola anche sull’ambasciata di Tripoli a Mosca. Segno che qualcosa sta cambiando anche nell’atteggiamento russo verso i fatti libici. Ma anche che la “terza via” nella risoluzione di quella crisi come nelle altre rivolte arabe proposta da Pechino e Mosca – la linea putiniana delle non interferenza, non totalmente condivisa da Medvedev – risulta sempre più perdente . Manca solo la Siria su cui all’Onu il braccio di ferro continua: proprio oggi un’emissario russo è a Damasco. In verità la vecchia bandiera “Gheddafina” verde monocolore era stata ammainata già il 25 agosto dai diplomatici libici della capitale russa, ma non era stata sostituita subito col tricolore nero-rosso-verde di Bengasi. Evidentemente incerti delle possibili reazioni di Cremlino e Casa Bianca. “Continueremo a lavorare con i rappresentanti libici a Mosca”, ha commentato oggi la notizia il Ministero degli Esteri russo. Del resto, non si tratta delle stesse persone? Che sarà mai una bandiera.

Se la bandiera ribelle si fa strada in Russia, quella dell’islam non può sventolare nel cuore della Russia. Domani anche a Mosca si celebra la fine del Ramadan. E il Comune ha trovato una soluzione all’ultimo minuto per ospitare la preghiera collettiva dei musulmani moscoviti (quasi 2 milioni, che ne fanno la città europea che ospita la maggiore comunità musulmana, anche se non tutti praticanti) ed evitare le scene dell’anno scorso – le strade del centro invase dai tappetini per la preghiera – che gettarono (chissà perché) il “panico” tra i moscoviti d’altra fede. Dove si riuniranno stavolta? In un bel capannone della vecchia fiera sovietica nel parco di Sokolniki, a nordest di Mosca. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore? Tutti non c’entrano comunque, fa notare la segreteria dei mufti russi. Perché la vera questione è un’altra: la battaglia, irrisolta, per costruire una nuova moschea nella capitale russa. Minimo una – ne servirebbero di più. Ma il comunue da vent’anni dice no. la Russia però – lo sa bene Putin – non si può permettere l’islamofobia, in un paese dove i fedeli di Allah sono tra i 15 e i 20 milioni, non “stranieri” o “immigrati” ma cittadini russi a tutti gli effetti. E l’islam è presente nel paese da secoli. Sapete che tengo all’argomento – presto un mio approfondimento sulla faccenda. Intanto, Eid Mubarak a tutti!

(foto 1: Ambasciata di Libia a Mosca – RiaNovosti; foto 2: venerdi di preghiera in Russia, Reuters)

1 Comment

Filed under Il Mediterraneo delle Rivoluzioni, Russia/ ex Soviet Space