Il giovane Edward, e Vladimiro.

994782_409278382522426_962318209_n

Come molti di voi già sanno, da giorni come tanti corrispondenti a Mosca vivo all’aeroporto di Sheremetyevo per seguire il caso Snowden. Quando non direttamente, col pensiero e i tweet dei colleghi che si danno il cambio nel pattugliare lo scalo. Inutilmente, come sapete, almeno per quanto riguarda la speranza di intravedere Mr X. Non ci resta dunque che cercare onestamente, tra la nebbia oggettiva del caso e il fumo sollevato da alcuni media russi, di interpretare eventi e fenomeni nel momento in cui questi si verificano. I miei reportage e cronache li trovate su La Stampa (qui e qui), e sull’Ansa per chi è abbonato. Al momento siamo alla fase dell’ironia, per evitare le disperazione di chi ormai ha trasformato lo scalo in un bivacco. E crede di vedere Snowden ovunque – più grassi, più pelati, con parrucche e nasoni finti. Allucinazioni. Evocando film, libri, romanzi, piece teatrali. Oggi che l’Ecuador ha deciso di unirsi al gruppo di chi si fa beffe di noi reporter esausti dal presidio (Sheremetevo è l’aeroporto meno accogliente di Russia a mio parere), annunciando che l’esame della richiesta di asilo del giovane  Edward potrebbe durare “mesi”, vi posto qualche vignetta nata intorno alla vicenda. Tanto per alleggerire l’atmosfera. A presto  il seguito.

snow

Snowblog

Leave a comment

Filed under Cinema russo, Letteratura russa contemporanea, Mass, Culture & Society, Mosca, Opposizione russa, Putin, Russia, Russia/ ex Soviet Space, Russian Literature, Russian Movies

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s